Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI    

QUALCOSA SI MUOVE? - Le novità sugli allenamenti

ENRICO FANELLI

PERUGIA - Una nota della Regione Umbria redatta nelle ultime ore riaccende un barlume di speranza per quanto riguarda le sorti dei campionati giovanili umbri, almeno quelli di interesse nazionale. Tutti gli atleti facenti parte di società che prendono parte a questo tipo di competizioni potranno riprendere dunque ad allenarsi, sia che siano maggiorenni che non. Le pressioni di alcuni enti sportivi, che da diverse settimane avevano richiesto i dovuti chiarimenti, hanno fatto effetto. Ecco di seguito un estratto della nota di riferimento (fonte www.fipavumbria.it):

"In riferimento ai quesiti posti giorni indietro da questa Federazione alla Regione Umbria, in merito all’interpretazione di quanto indicato nell’Ordinanza Regionale 74/2020, si allega alla presente la risposta ricevuta in data odierna.

Riassumendo quanto in essa riportato si comunica che:

Il divieto di allenamento per gli atleti minori di anni 18 è da considerarsi solo per coloro che partecipano a campionati di interesse regionale, provinciale o locale. Non risulta quindi alcuna limitazione per coloro che partecipano a campionati di interesse nazionale.
Nel nostro caso: serie A – B – C – U19 – U17 – U15 – U1". 

Nella fattispecie a chiedere spiegazioni era stato il presidente della Federvolley regionale Giuseppe Lomurno (CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO INTEGRALE) dato che il precedente provvedimento non chiariva se dovevano rimanere fermi tutti i minorenni o solo coloro che partecipavano a tornei provinciali o regionali, quindi non di interesse nazionale (LEGGI L'ORDINANZA DELLA TESEI EMESSA LO SCORSO 30 OTTOBRE). 

Se tutto ciò aprirà nuovi scenari è ovviamente presto per dirlo, ma sicuramente alimenterà nuove speranze per ricominciare nei primi mesi del 2021. Ora, come scritto e ribadito più volte, saranno i massimi organismi calcistici a doversi pronunciare quanto prima in merito.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Enrico Fanelli il 28/11/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,03177 secondi